www.pungolo.3000.it
 


  << Previous Topic | Next Topic >>torna all'indice  

Ucciso italiano in Iraq - Quattrocchi: ''Vi faccio vedere come muore un italiano''

April 15 2004 at 4:13 PM
No score for this post
Adnkronos  (no login)

 
Iraq, Quattrocchi: ''Vi faccio vedere come muore un italiano''



Baghdad, 15 apr. (Adnkronos) - ''Sono stato autorizzato dalla famiglia del giovane Quattrocchi che e' morto, dalla madre e dalla sorella, a rivelare le ultime parole di questo ragazzo, che e' morto da coraggioso, direi da eroe''. Lo ha detto il ministro degli Esteri Franco Frattini, a margine di una conferenza alla Farnesina: ''Questo ragazzo, quando gli assassini gli stavano puntando la pistola contro, ha cercato di togliersi il cappuccio e ha gridato: 'Adesso vi faccio vedere come muore un italiano', e lo hanno ucciso''. Fabrizio Quattrocchi, 36 anni, siciliano, residente a Genova, e' stato ucciso dai guerriglieri iracheni. Era uno dei quattro italiani tenuti in ostaggio da martedi' quando era stato rapito insieme ai suoi connazionali nei pressi di Falluja. La conferma e' venuta nella notte dal ministro degli Esteri, Franco Frattini, in diretta dagli studi di 'Porta a porta', su Raiuno, due ore dopo l'annuncio della tv araba al Jazeera. Fabrizio Quattrocchi e' stato assassinato con un colpo di arma da fuoco alla nuca. L'esecuzione dell'italiano e' contenuta in un video spedito ad al Jazeera, che si e' rifiutata di trasmetterlo per la crudezza delle immagini, ma ha letto il comunicato che lo accompagnava per pugno della Brigata Verde del Profeta, una delle sigle che aderiscono all'ideologia sunnita wahhabita di Al Qaeda: ''Abbiamo agito per il rifiuto da parte di Berlusconi di ritirare le truppe dall'Iraq. Il capo del governo italiano non ha a cuore le anime degli ostaggi ma solo di compiacere la Casa Bianca''. Alla notizia della morte, la madre, Agata Raimondo, e' stata colta da malore ed e' stata ricoverata in ospedale. Soccorsa dal 118, avrebbe rifiutato il ricovero. La compagna dell'uomo Alice, la sorella Graziella, il fratello Davide sono stati visti uscire e poi rientrare dall'abitazione di via Lagustena a Genova, ma non hanno voluto per ora rilasciare dichiarazioni alla folla di giornalisti radunata da questa notte davanti al numero civico 21. Dinanzi al portone anche un gruppo di amici di Fabrizio, tra cui alcuni colleghi decisi a proteggere la privacy della famiglia. Ora si teme per gli altri tre italiani, Salvatore Stefio, Umberto Cupertino e Maurizio Agliana in mano ai guerriglieri che hanno minacciato di ucciderli 'uno ad uno', se non verrano accolte le loro richieste. Fabrizio Quattrocchi, originario di Catania, 36 anni, viveva da tempo a Genova, con la sua famiglia e la fidanzata Alice, dove risiedeva in via Lagustena, nel quartiere di San Martino. Nel capoluogo ligure Quattrocchi collaborava da due anni con l'agenzia di investigazioni, bonifica, servizi di sicurezza e allarmi ''Ibsa'', ma era stato anche arruolato nell'esercito italiano in fanteria a Como, con il grado di caporal maggiore. Era in Iraq gia' da alcuni mesi, dall'autunno scorso, i suoi familiari lo sapevano ma solo alla madre aveva preferito dire che si trovava in Kosovo per non spaventarla troppo. Non aveva mai partecipato a missioni all'estero prima di ora. Una volta congedatosi dall'esercito italiano, Fabrizio aveva fatto il panettiere nel forno del padre, ceduto poi nel 2000, ma era allergico alla farina e amava le armi marziali che aveva continuato a praticare. Ecco perche', una volta chiusa l'attivita' di famiglia, Fabrizio, che aveva seguito corsi di addestramento specifici, aveva iniziato a collaborare con agenzie di security di Genova nei locali notturni come addetto alla sicurezza e poi come body guard. Alto, grosso, un fisico atletico, viene pero' descritto dai suoi familiari come un uomo buono e sensibile, come uno che ''non aveva mai fatto a botte''. Ai primi di dicembre era stato contattato per il lavoro in Iraq che aveva accettato per le buone condizioni economiche che gli erano state offerte. Il suo obiettivo, una volta tornato da li', era comprarsi una casa e mettere su famiglia.






 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
 
  << Previous Topic | Next Topic >>torna all'indice  
Find more forums on Network54Create your own forum at Network54
 Copyright © 1999-2017 Network54. All rights reserved.   Terms of Use   Privacy Statement