<< Previous Topic | Next Topic >>Torna all'indice  

Neutrini e velocità della luce

September 24 2011 at 3:50 PM
No score for this post
Rob_jack  (no login)

Ho eseguito una traduzione al volo

http://www.webalice.it/extrabyte/neutrino2.pdf

(manca l'ultima parte). Ovviamente per capirci qualcosa bisogna "masticare" un pò di spinori, elicità, equazione di Dirac etc.

Interessante l'interpretazione secondo cui una particella si comporta alla stregua di un gatto di schrödinger a scala submicroscopica...

ps. passando da un bar ho chiesto un succo d'ananas ai neutrini. È ottimo! lo consiglio a tutti :)

Saluti superluminali

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
AuthorReply
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 24 2011, 5:15 PM 

Errore di battitura: "brachioni", anzichè bradioni

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
SaTiro
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 25 2011, 7:47 PM 

Bha... io capisco poco, ma se i tachioni hanno massa immaginaria e un neutrino è un tachione, come si spiega che al neutrino si associa una massa non immaginaria?

Va bene che le misurazioni della massa dei neutrini è stata fatta in una maniera differente dal (esempio) "semplice" elettrone, pur tuttavia nessuno ha messo in guardia gli altri dicendo: guardate che i neutrini hanno una massa ma non sappiamo se sia immaginaria oppure no! :D

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 26 2011, 10:35 AM 

Rileggiti l'articolo...

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 26 2011, 10:48 AM 

Se ci fosse ancora qualcuno disposto ad asserire il contrario, la conferma che i neutrini appartengano alle cosiddette particelle superluminali, dimostra ancora una volta la mancanza di idee nella testa di certe persone costantemente alle prese con la totale incapacità di esprimere dei giudizi personali. Fino a poco tempo fa, infatti, qualcuno era talmente ferrato in matematica, ma talmente ferrato in matematica da non prendere in nessuna considerazione la possibilità che, il tabù legato all'invalicabilità della velocità della luce nei sistemi macroscopici, fosse facilmente superabile in ambito subatomico. La cosa più paradossale è che, quella stessa persona, lo sbandiera oggi ai quattro venti, come se si trattasse di un successo personale! Mah! Non ci sono parole ...

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 26 2011, 12:43 PM 

Prisco scrive:
"La cosa più paradossale è che, quella stessa persona, lo sbandiera oggi ai quattro venti, come se si trattasse di un successo personale! Mah! Non ci sono parole ..."

È dal 1905 che si "specula" sui tachioni...

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 26 2011, 9:29 PM 

Appunto! Si specula! E'...impersonale! C.v.d.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 26 2011, 9:38 PM 

Bene. Allora vediamo un pò di capire l'idea "personale" di Prisco.

saluti impersonali :)

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 26 2011, 10:08 PM 

Devi solo essere un poco più attento e profondo... e, naturalmente, rileggere i miei interventi con una capacità prospettica diversa. Ma, forse, ti sto chiedo ... troppo!

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 26 2011, 10:09 PM 

Forse ti chiedo troppo!

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 27 2011, 10:09 AM 

Fossi in te, ripartirei da zero (tipo dal calcolo vettoriale in su)

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 27 2011, 10:41 AM 

In effetti ho preteso troppo dalle tue reali possibilità! Ti chiedo scusa ... fa conto che non sia successo niente! Pazienza! Vista l'inutilità dei miei sforzi sarò costretto, per forza di cose, a rimettermi... alla clemenza (bah) della corte! Vostro onore ... sono innocente, lo giuro! Mi affido alla vostra ottusa magnificenza ... pardon ... volevo dire alla vostra infinita magnificenza! Ma mi faccia il piacere! Onorevole ... onorevole ... prego! Ma è qui, a questo punto, che si rende necessaria una ... onorevole pernacchia!

Una domanda d'obbligo. Cosa fanno tanti vettori in una zucca vuota? Semplice! Girano a vuoto!

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 27 2011, 11:47 AM 

Prisco scrive:
"Una domanda d'obbligo. Cosa fanno tanti vettori in una zucca vuota? Semplice! Girano a vuoto!"

Se ci sono dei vettori, la zucca non è vuota. (Almeno ci sono quelli...)

p.s.
Affrontare lo studio della fisica senza conoscere la matematica è come voler effettuare un numero infinito di vasche di una piscina senza saper nuotare[1].

Se poi pensi di avere davvero delle idee originali e RIVOLUZIONARIE, non devi fare altro che inviarle a qualche rivista specializzata di fisica. Non sono gli internet forum la sede opportuna...



[1] Metafora indovinata, visto che si è parlato di "tipi da spiaggia"

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 27 2011, 12:45 PM 

Le metafore non sono il tuo forte! Metaforicamente parlando, se tu metti un mare di vettori in una zucca vuota la zucca continuerà a essere vuota, perchè i vettori, da soli, non sono certamente in grado di riempire una zucca senza la presenza di una buona dose di intelligenza! Il tuo discorso non esprime una metafora, ma un concetto fisico, e per fortuna che almeno un concetto è presente! Inoltre in fisica non esiste il vuoto assoluto, mentre il vuoto assoluto metaforico di una zucca, si!. I pesci non hanno bisogno di imparare a nuotare per "nuotare". Lo fanno e basta, perchè la natura li ha forniti di una propensione al nuoto. I delfini non vanno a scuola di nuoto, eppure nuotano tranquillamente sin dalla nascita senza avere neanche uno straccio di maestro di nuoto. Quello che differenzia il bravo nuotatore da chi non sa nuotare non è il maestro di nuoto, ma una qualità imprescindibile nell'uomo che si chiama ... talento! Se tu studi la matematica ma non hai talento, sarai destinato ad essere un semplice esecutore d'ordine. Ad una guida turistica non è richiesta la sensibilità dell'artista. Per cui, per quanto preparata, la guida turistica priva di talento e di propensione artistica sarà destinata a prodursi semplicemente in una accurata e minuzione elencazione delle opere. E' la stessa differenza che corre tra una cartolina illustrata che ritrae un'opera d'arte e l'opera d'arte ritratta. La cartolina illustrata può riprodurre fedelmente un'opera d'arte, ma non potrà mai sostituirsi ad essa. L'opera d'arte, infatti, tenderà sempre ad occupare un gradino superiore. Visto che hai detto di essere in vena di metafore, spero che tu abbia afferrato il senso delle mie. In caso contrario ... è meglio ... desistere! Un ultimo consiglio. Lascia stare le metafore! Richiedono uno sforzo eccessivo per i limitati mezzi a tua disposizione!

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 27 2011, 2:34 PM 

@Prisco

Stai glissando.

Copio e incollo la parte interessante:

"Se poi pensi di avere davvero delle idee originali e RIVOLUZIONARIE, non devi fare altro che inviarle a qualche rivista specializzata di fisica. Non sono gli internet forum la sede opportuna..."


 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 27 2011, 2:41 PM 

Aggiungo: nel mio post avevo scritto SENZA SAPER NUOTARE :

"è come voler effettuare un numero infinito di vasche di una piscina senza saper nuotare"

e non "senza andare a lezione di nuoto"

Ma qualcuno ha sapientemente cambiato le carte in tavola.

Ma l'argomento interessante è questo:

"Se poi pensi di avere davvero delle idee originali e RIVOLUZIONARIE, non devi fare altro che inviarle a qualche rivista specializzata di fisica. Non sono gli internet forum la sede opportuna..."

È ovvio che continuerai a glissare. E la ragione la conosciamo tutti.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
SaTiro
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 27 2011, 8:06 PM 

Non pensavo che su uno avesse solo i "vettori" in testa, la testa non sarebbe vuota.

Mi chiedo di quale "sostanza" sia fatto un vettore...

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 27 2011, 8:29 PM 

Non sto glissando. Piuttosto sei tu che sei spaventato dalla possibilità che la tua testa possa essere realmente vuota! Lo sappiamo tutti perchè! Non ti preoccupare! Anche le teste di legno hanno i loro diritti! Piuttosto, lascia stare le metafore! Non sono pane per i tuoi denti. Puoi, invece, concentrarti tranquillamente sul copia e incolla. E' una pratica che non richiede la presenza di grosse quantità di materia grigia!

Se uno non sa nuotare, necessita di un maestro, altrimenti saprebbe come fare per nuotare. Ti consiglierei di ricominciare ad esercitarti con la logica.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 27 2011, 9:38 PM 

"Se poi pensi di avere davvero delle idee originali e RIVOLUZIONARIE, non devi fare altro che inviarle a qualche rivista specializzata di fisica. Non sono gli internet forum la sede opportuna..."


Allora?

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 27 2011, 11:48 PM 

Chi dice che un forum non è una sede adatta per proporre delle "teorie innovative"? Sei tu a dirlo oppure lo dici per interposta persona? Ma, in tal caso dovrebbe trattarsi di qualcosa di personale che, in mancanza di una personalità, si tramuta immancabilmente in un discorso campato in aria. Oltretutto, considerando che tu hai pubblicamente ammesso, a più riprese, la tua estraneità alla personalizzazione, la tua domanda resta lì in forma anonima ed amorfa, come colui che, per sua esplicita ammissione, l'avrebbe proferita in assoluta mancanza di quello che può essere considerato come l'ingrediente principale ed essenziale, vale a dire il dato soggettivo. Senza una componente soggettiva la domanda in questione, oltre ad essere praticamente monca, risulta anche e soprattutto "priva di senso". E se tu fossi un semplice portavoce? Ma portavoce di chi? Non di te stesso, naturalmente, considerando la ... zucca vuota! E allora cosa? Dovresti prendere delle accurate lezione di logica oltre che di italiano e, soprattutto, lasciar perdere le metafore (richiedono troppo intelletto!). Il problema è che la casistica qualunquista che tu rappresenti e che ti ostini strenuamente a rappresentare è largamente presente in tutti i contesti dello scibile (tranquillo, non è il tuo caso!) umano. Il rischio, pertanto, di imbattermi nel solito personaggio strumentalizzato, dalla bocca piena di vettori e dalla testa completamente scevra di idee, è praticamente talmente alto da produrre un evidente imbarazzo non solo nell'irriducibile personalità che alberga nel mio corpo, ma anche e soprattutto in quella sparuta minoranza di impavidi spettatori, che fanno tesoro di quei granelli di sale in grado di produrre un beneagurante tintinnio nelle rispettive zucche! Non esistono posti buoni e posti cattivi. Esistono solo persone in grado di trasformare il più arido dei deserti in una rigogliosa foresta pluviale e, viceversa, i soggetti che trasmettono solo aridità e desolazione, al punto da trasformare un concetto florido e rigoglioso in un mucchio di putridume!

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 28 2011, 9:49 AM 

P.s.
Vorrei farti notare una "finezza" logica e dialettica presente nel mio precedente intervento, perchè dubito vivamente che tu stato in grado di coglierne tutti gli aspetti.
Ho usato volutamente la parola "persone" per identificare i soggetti creativi, limitandomi a definire semplicemente "soggetti" coloro che denotano un'assoluta mancanza di creatività. Infatti la parola "persona" presuppone, necessariamente, la presenza di una "personalità" che risulta completamente assente in un soggetto (im)personale. C'è un altro sottile aspetto del tuo inappropriato e fallito tentativo di produrre una metafora (non è pane per i tuoi denti, lascia stare!)che andrebbe opportunamente commentato e criticato e, siccome non esistono sedi idonee e sedi inidonee, ma solo "persone profonde" e "soggetti superficiali", vorrei farlo in questa "inopportuna sede" (opportuna, inopportuna? Chi può dirlo?). Il sottile aspetto da me rilevato è legato indissolubilmente alla componente "superficiale" e a quella "profonda" dell'animo umano. Quello che tu definisci un "nuotatore provetto" è in realtà un soggetto che opera in superficie. Io alla figura del "nuotatore" che copre 100 vasche alla velocità di un neutrino, preferisco di gran lunga quello che opera in apnea, nelle profondità degli abissi, in quei luoghi, cioè inaccessibili, che sono completamente preclusi al nuotatore "provetto", troppo preso dalle proprie prestazioni sportive piuttosto che dalla necessità di fermarsi per qualche istante soltanto per allietare la propria vista o per nutrire il proprio intelletto di nuova linfa vitale. Quei pochi che riescono ad andare in apnea soltanto per godere delle bellezze inesplorate degli abissi e per ritrovare se stessi, non hanno nessuna necessità di respirare l'aria della "superficie" (è una metafora ad ampio respiro!) per continuare a nuotare. Un vero campione, infatti, anche se è in grado di scandagliare le profondità degli abissi soltanto alla velocità di una "tartaruga", denota sempre la presenza di una grande e incrollabile "consapevolezza" che, tutti i segreti dell'universo, sono gelosamente custoditi non in un estetismo vettoriale, ma in quegli scrigni opportunamente nascosti negli antri più bui e inaccessibili della nostra più intima essenza!

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 28 2011, 10:23 AM 

Rob scrive:

"Se poi pensi di avere davvero delle idee originali e RIVOLUZIONARIE, non devi fare altro che inviarle a qualche rivista specializzata di fisica. Non sono gli internet forum la sede opportuna..."

Prisco scrive:
"Chi dice che un forum non è una sede adatta per proporre delle "teorie innovative"? Sei tu a dirlo oppure lo dici per interposta persona? "


Come Dovevasi Dimostrare: non hai alcuna idea originale da proporre, altrimenti non saresti qui ma a Stoccolma :)

ps. Sei tu l'autore di questo libro:

http://www.bol.it/libri/Troppo-umano...-praticamente/Pasquale-Prisco/ea978886155410/ ?


E di questo:

http://www.deastore.com/libro/il-pentito-pasquale-prisco-gruppo-albatros-il-filo/9788878423183.html ?

interessante la casa editrice:

http://tinyurl.com/editoria-a-pagamento

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 28 2011, 12:25 PM 

Anche Fabrizio Coppola ha pubblicato "Il segreto dell'Universo" con Lalli editore (editoria a pagamento). Schopenhauer, Kafka Proust, Italo Svevo (e la lista è destinata ad allungarsi a dismisura) hanno pubblicato qualcosa a pagamento. E allora? Cosa significa? Significa, forse, che Fabrizio Coppola non sia un valido non dico scrittore, ma fisico? Certamente no, la persona intelligente, sa bene che non sono questi i parametri giusti. Anzi, nella realtà, accade esattamente il contrario! Questo particolare, infatti, non può nè arricchire nè, tanto meno, sminuire un valore oggettivo e reale. Tutto dipende da ciò che si pretende di pubblicare. Totti non ha incontrato nessuna difficoltà a pubblicare le "barzellette" mentre gli "stupidari" abbondano nelle librerie alla stregua dei manuali del "perfetto imbecille". Questo tuo intervento non fa altro che attestare la presenza di una insopportabile superficialità. Lola Montez, mentre Schopenhaur si dannava l'anima nel tentativo di trovare un editore disposto a pubblicare "L'opera mixia", annunciava al mondo intero di voler pubblicare la sua biografia e di aver trovato un editore disposto a corrisponderle un cospicuo assegno. Tu sai chi era Lola Montez? Era l'equivalente di una Valeria Marini dei nostri giorni. Una subrettina dell'epoca molto in vista, praticamente priva di talento. Eppure pubblicò dietro lauto compenso, mentre Schopenhauer si disperava. Nella lettera che il filosofo scrisse all'editore Brockhaus il 26 giugno del 1850, a cui sottopose il manoscritto, si legge:
- Mi permetto di comunicare alla Signoria Vostra che, dopo un lavoro di sei anni, ho ormai terminato i miei scritti filosofici misti, i cui lavori preparatori abbracciano trent'anni. Infatti vi ho messo tutti i pensieri (quelli che a te difettano, tanto per intenderci!), che non potevano trovar posto nelle mie opere sistematiche. Dopo di ciò penso di non scrivere più niente!-
Brochaus rifiutò, come rifiutarono altri editori. Alla fine Schopenhauer si rivolse al suo arcievangelista, tal Julius Frauenstadt, scrivendogli:
- I miei "Opera mixia", dopo sei anni di lavoro giornaliero, sono finiti. Ma NON RIESCO A TROVARE UN EDITORE. E' la conseguenza (stai bene attento!) DELLA RESISTENZA PASSIVA DEI PROFESSORI (quelli che io ho definito superficiali, qualunquisti, pieni di nozioni ma privi di idee ecc. ecc. ecc.). La mia disgrazia è spiacevole ma non umiliante: proprio ora, infatti, i giornali annunciano che Lola Montez si propone di scrivere le sue memorie e che le sono state subito offerte grandi somme dagli editori inglesi. Così sappiamo in quale situazione ci troviamo!-

Cos'è cambiato dal 1850 ad oggi! Praticamente nulla! La dabbenaggine, la pochezza interiore, l'apparenza e la superficialità continuano sistematicamente ad affossare la profondità d'animo e la circolazione del libero pensiero, costretto ad esprimersi solo "nelle sedi opportune", che poi opportune non sono mai, perchè governate dall'ignoranza, dalla superficialità e dalla chiusura mentale.

Per la precisione io ho pubblicato anche un altro romanzo a "pagamento", mentre il saggio "Troppo umano ... praticamente genio!" e il romanzo "Rifiuti" sono stati pubblicati senza nessun contributo. Inoltre ho scritto una cinquantina di racconti, un saggio filosofico e scientifico intitolato "Genesi", mentre sono ancora alle rese con tre saggi: Uno sulla fisica delle vibrazioni, un altro sul tempo, e un terzo sull'infinito. Ma questi sono particolari che lasciano il tempo che trovano, destinati, come sono a perdersi come le foglie all'imperversare del vento (scusa, ma le metafore sono il mio pane quotidiano!).


 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 28 2011, 12:45 PM 

Errata corrige:
Alle prese...

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 28 2011, 2:34 PM 

Carissimo Prisco, hai frainteso. Non intendevo sputare sul tuo lavoro (anche se poi non condivido le tue idee), ma così facendo si alimenta un tipo di editoria che non dovrebbe proprio esistere..

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 28 2011, 10:20 PM 

Non hai nulla di innovativo da proporre, altrimenti ...

Altra banalità ma, ormai tra le tante che hai detto, comincia ad essere una costante, piuttosto che una variabile. Per farti rendere conto della nutrita quanto interminabile serie di ovvietà che proferisci senza nessun ritegno nei confronti di te stesso e senza soluzione di continuità, ti inviterei a studiare (se non l'hai mai studiato) o a ripassare (se l'hai studiato e te ne sei completamente dimenticato per l'eccessiva ingerenza di quei benedetti vettori), il caso di Nikola Tesla, una delle menti più brillanti e originali che la storia ricordi. Ci sono parecchi buoni libri che raccontano la vita di questo genio; quindi potrai attingere a piene mani! Nikola Tesla non andò mai a Stoccolma (anche se, per la verità fu invitato per ben due volte), perchè per ben 2 volte le sue idee subirono l'onta del plagio di Marconi prima e di Edison poi, dopo che un sistema troppo rigido e statico aveva tentato, inutilmente, di affossarle definitivamente. Quando le idee sono troppo innovative ed originali rispetto al tempo in cui sono state partorite, infatti, il pericolo di subire un drastico rifiuto è decisamente abnorme. Ciò che è "troppo innovativo" e "originale" viene sempre maldigerito dai benpensanti e, soprattutto, guardato con un eccesso di sospetto e di diffidenza.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 28 2011, 11:29 PM 

Per quanto riguarda l'editoria a pagamento, io non mi vergogno di aver alimentato un simile perverso sistema. Fa parte del gioco, spesso sporco, che ruota intorno al libro. Persino il poveraccio che, nell'attraversare il deserto, si trova nella necessità di doversi dissetare con la propria urina per sopravvivere, è perfettamente conscio di non fare una cosa giusta. Ma, alla fine, è sempre l'istinto di sopravvivenza a prevalere sulla pura razionalità. Si fa per placare la sete, per lenire il dolore, per continuare a credere che, alla fine del buio pesto di un lungo e interminabile tunnel, sarà sempre possibile imbattersi nella flebile fiamma della speranza. In questi casi io non critico e non condanno, non giudico e neppure biasimo, ma mi limito a prendere semplicemente atto che forse è proprio tra i libri "a pagamento" che esiste la possibilità di imbattersi nel "capolavoro" per antonomasia, anche se, molto spesso il capolavoro dei capolavori può incorrere nel serio rischio di risultare anche il libro meno letto e meno venduto della storia, come nel caso de "La metamorfosi" di Kafka. Prova a sfogliare il catalogo della mondadori. Tra i più di mille titoli presenti, l'80% è costituito da libri di cucina, di taglio e cucito, del fai da te, da stupidari, da dizionari, da libri per bambini, da filastrocche, da libri erotici e da quelli dei mille quiz, dalle guide rapide per gaudenti imbecilli, dalle barzellette alla pierino, dalle biografie delle varie Lola Montez, Fiorello, e dalle memorie di Maradona, Pelè e Platini. Il restante 20% è costituito per la maggioranza da romanzi commerciali e a buon mercato. E, tra questo 20% solo due o tre titoli al massimo sono destinati ai saggi scientifici e filosofici. Con questo voglio dire che, se da un lato gli autori esordienti alimentano il fenomeno dell'editoria a pagamento, dall'altro canto il mercato stesso è sempre più aperto ai testi poco impegnativi e di facile accesso. Insomma il gusto della gente è costantemente orientato verso i libri spazzatura piuttosto che verso quelli di qualità. E' così che, il vuoto totale di una tal Lola Montez, continua a prevalere sulla pienezza intellettuale di Schopenhauer.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 29 2011, 11:53 AM 

Per quanto riguarda, invece, il discorso dell'editoria a pagamento che non dovrebbe esistere, sono pienamente d'accordo con te, senza ombra di dubbio e di tentennamenti. Le mie due pubblicazioni a pagamento rappresentano due degli innumerevoli errori che ho commesso e che spero di continuare a commettere ancora a lungo nella mia vita. Ma, a differenza di quanti passano i propri giorni ad ardersi nel fuoco lento del rimpianto, o a nascondersi dietro un dito, per la vergogna, io non mi nascondo e continuo a camminare a testa alta. Anche per chi non è abituato, come me, a fare patti con il diavolo, qualche volta nasce l'esigenza di fare dei compromessi. La differenza sta nel considerare gli errori non come un'onta e una vergogna incancellabile ma come l'unico modo che abbiamo a disposizione per migliorare il nostro livello di spiritualità. In tal modo gli errori diventano una parte irrinunciabile della vita, un processo irreversibile finalizzato al miglioramento della nostra stessa esistenza. Una vita senza errori sarebbe qualcosa di troppo scontato, e una vita scialba è come una pietanza senza sale, praticamente grigia e anonima, come una giornata uggiosa completamente priva di sole.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 29 2011, 3:27 PM 

Ritornando in topic, un bell'esempio di trasmissione di segnali nel passato:

"Supponiamo che esistano delle particelle ("tachioni") che si muovono ad una velocità superiore a quella della luce. Mostrare che allora si possono inviare segnali nel passato.
(Suggerimento. supporre di essere fermi all'origine. Inviare un segnale di tachioni, con v>c nel proprio sistema di riferimento, verso un'astronave che si allontana. Quando questa astronave riceve il segnale, immediatamente vi rinvia un segnale dello stesso tipo, con v>c nel sistema di riferimento dell'astronave. Mostrare che tale segnale arriva nella vostra posizione prima (rispetto al sistema di riferimento dell'astronave)dell'istante in cui avete inviato il segnale iniziale)."

La soluzione è banale...

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 30 2011, 9:52 AM 

E' banale ...

Per Ettore Majorana, e per gli studi da lui condotti, lo sarebbe stato ancora di più! (Equazione di Majorana).

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 30 2011, 1:07 PM 

È banale per uno studente di fisca al secondo anno. A maggior ragione per Majorana...

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
AxL
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
September 30 2011, 9:16 PM 

A proposito di Majorana...

date uno sguardo a questo articolo che rivitalizza ipotesi del 1932 del nostro, scomparso nel nulla, genio:

http://arxiv.org/pdf/1109.5445v3

Saluti.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 1 2011, 9:49 AM 

Di Majorana ne parlarono tempo addietro a "chi l'ha visto". Un tale aveva una fotografia scattata negli anni 50 in argentina. Somigliava molto a Majorana...

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
SaTiro
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 1 2011, 8:37 PM 

Io mica ho capito il senso di questo topic

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 1 2011, 9:41 PM 

Rileggiti l'articolo

http://www.webalice.it/extrabyte/neutrino2.pdf


 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
SaTiro
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 1 2011, 10:22 PM 

La prima espressione scritta è:
Secondo recenti dati sperimentali (siamo nel 2001!) basati sul decadimento
beta del trizio, il quadrato della massa del neutrino elettronico `e negativa

Ok!... ma qual è il senso del topic?

Se qualcuno l'ha capito me spieghi

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 2 2011, 10:27 AM 

Il senso del topic lo capirebbe chiunque (è nell'oggetto). Comunque, quella traduzione non è completa, quindi leggiti l'articolo originale:

http://arxiv.org/abs/hep-ph/0009291

Saluti

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
SaTiro
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 2 2011, 11:02 AM 

Questa è la prova che nessuno sa spiegarlo...

Ora darò una mia lettura:

http://bifrost.it/Lingue/Sanscrito/image050.gif

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 2 2011, 4:12 PM 

Io l'ho capito benissimo...

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
SaTiro
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 2 2011, 5:31 PM 

Anch'io mi capisco benissimo

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 2 2011, 11:04 PM 

Ciò che è scritto nel file pdf è di una chiarezza cartesiana.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
SaTiro
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 2 2011, 11:43 PM 

« Volendo seriamente ricercare la verità delle cose, non si deve scegliere una scienza particolare, infatti esse sono tutte connesse tra loro e dipendenti l'una dall'altra. Si deve piuttosto pensare soltanto ad aumentare il lume naturale della ragione, non per risolvere questa o quella difficoltà di scuola, ma perché in ogni circostanza della vita l'intelletto indichi alla volontà ciò che si debba scegliere; e ben presto ci si meraviglierà di aver fatto progressi di gran lunga maggiori di coloro che si interessano alle cose particolari e di aver ottenuto non soltanto le stesse cose da altri desiderate, ma anche più profonde di quanto essi stessi possano attendersi »

(Cartesio da "Discorso sul metodo")

Cartesio esprimeva questa opinione: "Si deve pensare ad aumentare il lume naturale della ragione"

Ecco io sto cercando di aumentare il lume naturale della ragione, e rifaccio la domanda: qualcuno mi spiega il "senso" del topic?

Lo spiega Cartesio: aumentare il lume della ragione per non fare come chi, interessandosi solo alle cose particolari non progredisce. E' un metodo cartesiano...la cui limpidità non ha bisogno di traduzione con il dizionario sanscrito.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 3 2011, 2:43 PM 

"e rifaccio la domanda: qualcuno mi spiega il "senso" del topic?"

Fai uno sforzo. Tranquillo, abbiamo tempo fino alla prox stagione balneare :)

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
SaTiro
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 3 2011, 3:35 PM 

Farei anche uno sforzo se ci fosse qualcosa su cui discutere...


 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 3 2011, 4:27 PM 

Su quell'articolo c'è molto materiale...

ps. "chiarezza cartesiana" era solo un modo di dire. Mettiamola così: "per me quell'articolo è chiaro come il sole".

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
SaTiro
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 3 2011, 8:10 PM 

...per cui se (l'articolo) è chiaro, non c'è nulla da discutere!
A questo punto che "senso" ha questo topic?

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 3 2011, 10:56 PM 

L'articolo è chiaro, ma il problema resta. Specialmente se si vuol tener conto della rotazione terrestere:

http://arxiv.org/PS_cache/arxiv/pdf/1109/1109.6160v2.pdf

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
SaTiro
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 4 2011, 9:03 AM 

Qual è il problema che resta?


 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 4 2011, 10:10 AM 

"Qual è il problema che resta?"

'sti cavoli, ne ha parlato pure novella 2000 ^__^

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
SaTiro
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 4 2011, 11:29 AM 

sti cavoli, non lo sapevo! Ho letto or ora la notizia sconvolgente su Novella duemila:

Novella 2000
30.9.2011
Enzo Iacchetti e la ballerina di lapdance
Enzo Iacchetti festeggia la prima puntata della nuova stagione di Striscia la notizia in compagnia di una bella mora che, udite udite, non è la fidanzata Tania Pelo. L’amichetta, molto intima, di Enzino è però una sua vecchia conoscenza: si tratta di Angela CAZZATO, una bella trentenne di Lecce che di professione fa l’accompagnatrice e la ballerina di lapdance nei night club della provincia di Brindisi. I due si sono conosciuti a febbraio, quando Iacchetti era impegnato in uno spettacolo teatrale a Ostuni e da allora sono rimasti sempre in contatto clandestinamente. Novella li ha sorpresi a Milano: Angela è in hotel e una volta ricevuta la telefonata di Enzino esce di corsa per salire sulla sua auto. Il tempo di guardarsi, accarezzarsi, baciarsi, e poi via…
Tutti i dettagli e le foto su Novella 2000.


 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 4 2011, 1:11 PM 

Hai sbagliato numero...

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
SaTiro
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 4 2011, 10:53 PM 

Ahh, quindi un numero di Novella 2000 parla del problema che resta?

Ma questo "numero" tiene conto della rotazione terrestre?

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Rob_jack
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 5 2011, 9:49 AM 

"Ahh, quindi un numero di Novella 2000 parla del problema che resta?"

ho scritto: "il problema resta" e non: "il problema che resta".


ps. Questa è la mia ultima risposta. Non posso ripetere le stesse cose n volte, per n->+oo

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
SaTiro
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 5 2011, 1:07 PM 

anche per me è l'ultima risposta + oo ( &#8734; )

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Fabrizio Coppola
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 5 2011, 9:13 PM 

Per Satiro.
Se il *quadrato* di una massa è un valore negativo... Quant'è la massa?? Secondo l'algebra convenzionale non si può fare. Però ci viene in aiuto quel genio di Raffaele Bombelli (anno 1572!) con i suoi "numeri surdi", cioè assurdi, oggi detti immaginari...
E una particella, se *nasce* più veloce della luce, deve per forza avere massa immaginaria (tachione):
http://www.network54.com/Forum/189191/thread/1316782861/last-1317832918/La+velocit%E0+della+luce
Il risultato del 2001 è al limite, anzi, gli errori sperimentali ci suggerirebbero che la massa non dovrebbe essere negativa (qui bisognerebbe vedere la statistica ecc.) ma potrebbe anche esserla, e sarebbe un risultato in sintonia con quello recente del Cern/GranSasso 2011...
Per P.Prisco: non è detto che Lalli sia rigorosamente a pagamento... Oppure: potrebbe darsi che una certa organizzazione (però oggi contro di noi) abbia sponsorizzato il libro perché parlava bene della MT di Maharishi. Per il resto, Il segreto dell'universo è stato riconosciuto dal ("normale") editore Lindau (o "Età dell'Acquario") come un "best-seller" (come scritto anche sulla copertina de "La rivoluzione prossima ventura". In generale comunque, niente in contrario con gli editori a pagamento. Anche il famosissimo Camilleri ha iniziato così...
Saluti,
Fabrizio Coppola

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 5 2011, 10:42 PM 

@ il prof. Coppola,
Lalli è "rigorosamente" a pagamento. Non pubblica nulla senza compenso. Lo so per certo. Le sponsorizzazioni, poi, sono un discorso a parte. Un autore può recuperare una parte o la totalità della somma investita dalle eventuali sponsorizzazioni, ma resta il fatto che se non si acquistano almeno 150 copie al prezzo pieno di copertina, il buon Lalli si rifiuta categoricamente di pubblicare. Per quanto riguarda poi il fatto che anche Camilleri ha pubblicato con editori a pagamento, rientra nel discorso di quella lunga lista che ho fatto, tendente ad allungarsi a dismisura. Io so come vanno le cose nel mondo dell'editoria, lo sa anche Lei che dice di non essere contrario all'editoria a pagamento. Ma, purtroppo il nostro amico comune Rob Jack, eccellente accademico ma mediocre pragmatico, ignora completamente l'andazzo che ruota intorno a questo mondo. Io sono idealmente contrario all'editoria a pagamento. Ma, purtroppo, come spesso accade, un conto sono gli ideali, un altro conto, invece, è la realtà, il dato oggettivo. E, il dato oggettivo ci dice che le grandi case editrici, sono praticamente precluse agli esordienti, ai quali non rimane altro che tentare la "lotteria" delle pubblicazioni a pagamento.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
SaTiro
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
October 6 2011, 11:39 AM 

Tutti i problemi inerenti al Gran Sasso, alla massa (negativa o positiva che sia), ai neutrini e alla velocità della luce, sono di natura psicologica -:P.
Basterebbe reintrodurre l'etere... e tutti i problemi si risolvono, anche quelli della "rotazione terrestre".


 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Maurizio
(no login)

Segreto dell'universo quando mai edito dal Lalli?

No score for this post
February 2 2012, 3:58 PM 

Quando mai l'editore del libro IL SEGRETO DELL'UNIVERSO è stato Lalli??
Quando mai il libro IL SEGRETO DELL'UNIVERSO è stato pubblicato "a pagamento"??
E comunque, anche se fosse così (ma non è):
Chi l'ha detto che Lalli editore pubblica "rigorosamente" a pagamento??
Maurizio

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Segreto dell'universo quando mai edito dal Lalli?

No score for this post
February 2 2012, 6:48 PM 

Caro Maurizio,
In effetti non è "Il segreto dell'universo" ad essere stato pubblicato da Lalli editore, ma "Ipotesi sulla realtà" (pag.463, prima edizione 1991, seconda edizione riveduta e corretta 1995), che è tuttora presente nel catalogo. Se sono stato impreciso, nel corso di qualche mio intervento, chiedo scusa. Per quando riguarda "Il segreto dell'universo", non so come siano andate esattamente le cose, per cui non posso sbilanciarmi. So, per certo, che Lalli editore, per "attirarmi" nelle sue grinfie e per mostrarmi la bontà delle sue pubblicazioni, mi inviò due o tre dei suoi testi. Uno di questi era "Ipotesi sulla realtà" di Fabrizio Coppola. E, Lalli, è uno di quegli editori che pubblica SOLTANTO a pagamento! Lo so per certo, perchè, prima di scegliere se pubblicare o meno con lui alle sue condizioni, mi sono opportunamente documentato. Ricordo che contattai l'autore di "Storia di un eroe" (pagg. 94, I edizione novembre 1990, XIV edizione giugno 2005, Lalli editore), Franz Amato per chiedere i dovuti ragguagli. In fondo alla prima pagina erano stati stampati l'indirizzo, il numero di telefono e l'e-mail dell'autore. Dalle informazioni ottenute, rifiutai la proposta di pubblicazione (naturalmente a pagamento!).

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
freddy
(no login)

Re: Segreto dell'universo quando mai edito dal Lalli?

No score for this post
February 5 2012, 6:24 PM 

Salve a tutti,

scusate se mi intrometto, ma ho un conoscente che ha pubblicato una serie di saggi con Lalli e non ha sborsato un euro. Tale editore non è rigorosamente a pagamento, nel senso che valuta prima il contenuto del saggio da pubblicare, e dopo propone un progetto editoriale che eventualmente potrebbe essere a pagamento. In altre parole, DIPENDE da ciò che si vuole pubblicare.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Segreto dell'universo quando mai edito dal Lalli?

No score for this post
February 5 2012, 9:50 PM 

Se tutto dipendesse esclusivamente da ciò che si pubblica (ovvero dal valore reale di un testo), la logica imporrebbe che scrittori come Proust, Kafka, Svevo, Schopenhauer, etc,etc,etc. non abbiano mai incontrato nessuna difficoltà a pubblicare. Sempre in base a tale ottica la strada della pubblicazione dovrebbe essere totalmente preclusa ai non-scrittori come Totti, Fiorello e il mago Silvan. Nella realtà, invece, accade esattamente il contrario. Paradossalmente sono i testi meno rivoluzionari e, soprattutto meno "impegnativi", a trovare più facilmente un editore. Quelli più "stravaganti" incontrano meno consensi, perchè anche le scelte degli editori sono subordinate alle ferree leggi di mercato. Un testo che induce troppo alla riflessione, è un testo da scartare per due motivi fondamentali. In primo luogo perchè spingerebbe la gente a pensare con la propria testa mentre, il sistema, per poter continuare a sopravvivere, ha un disperato bisogno di diffondere un pensiero comune e generalizzato, piuttosto che originale e personale. In secondo luogo la maggioranza della gente non è fondamentalmente disposta a lasciarsi stravolgere la vita da un testo o da un pensiero. Alla fine ciò che più conta è il possesso. Un lavoro sicuro, un tetto, un piatto di fagioli, e la possibilità di uscire il sabato per fare shopping. Per questo motivo "una dieta a punti" o "il metodo antistronzi" incorrono nella possibilità di diventare dei veri e propri best-seller, dei libri di culto in grado di rispecchiare, in modo fedele, la società in cui viviamo, mentre quelli più impegnati e profondi, vivono nella perenne angosciosa incertezza di non riuscire a trovare uno straccio di editore disposto a pubblicarli.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Segreto dell'universo quando mai edito dal Lalli?

No score for this post
February 7 2012, 8:03 PM 

@ Freddy,
Ti chiedo scusa, ma sono un maledetto curioso ... come si chiama, quel tuo amico, Giorgio Esposito, Vito de Grandis o Mario Masini?
Per quanto riguarda, invece Lalli, ripropongo, in modo fedele, la lettera di risposta del 12 aprile 2005 con la quale rispose per la valutazione di un mio saggio.

Poggibonsi, 12 aprile 2005

Gentile dottor Prisco
"Umano, troppo umano, praticamente genio" è, certamente, un'opera complessa perchè tutti gli argomenti che vengono affrontati, e da ogni angolazione - dalla storia del pensiero, alla filologia, alla filosofia, ecc.-) sono puntigliosamente, razionalmente e con ricchi riferimenti a pensatori storici, rigorosamente sviluppati; ed è quasi impossibile esprimere un giudizio articolato su tutto quanto lei affronta (se ci si potrà incontrare c'è di che parlare ...); e la forma, lo stile, il linguaggio (curatissimi) non appesantiscono mai chi si vorrà addentrare nella lettura dell'opera; complimenti, pertanto, e sinceri auguri!
Qualità dell'opera a parte, il mercato del libro non è affatto facile e, poichè teniamo particolarmente alla correttezza dei rapporti, non è nel nostro costume creare facili illusioni; consideriamo, quindi, l'edizione come "sondaggio" e, in particolare, vogliamo verificare quale attenzione riserverà la stampa del libro, che risultati otterremo nei premi letterari, che accoglienza avremo dal pubblico dei lettori. Segue poi la proposta di edizione a pagamento.

Lo stesso saggio era stato valutato, in precedenza, dall'editore "Scrittura Creativa Edizioni" di Borgomanero (No) che scrisse la seguente lettera. Ti prego di prestare attenzione, perchè la lettera di risposta, rappresenta l'esatta sintesi del mio precedente intervento.

Gentile Pasquale Prisco,
La ringraziamo per l'invio del Suo inedito "Umano, troppo umano, praticamente genio!" che abbiamo letto con interesse. (Fin qui tutto normale, ma attenzione a quello che segue!). L'ORIGINALITA' (che dovrebbe rappresentare un motivo di vanto, diventa, invece, qualcosa di tremendamente negativo, perchè l'editore prosegue dicendo) del percorso è indubbiamente accattivante e, aspetto primario, la scrittura si dimostra, a nostro avviso, di buon livello e vitale. Tuttavia (qui comincia lo stato confusionale e il disorientamento provocato da un testo "originale") riteniamo il testo di difficile collocazione in quanto, per un'area saggistica, esso appare eccessivamente arbitrario in molti elementi, proposti invece come dati oggettivi. Ecc. ecc. ecc.

In altre parole, pur apprezzando l'originalità in quanto tale, ne siamo sinceramente spaventati. Preferiamo quindi, testi di "più facile accesso", meno originali ma ... più commerciali.
Saluti

P.S. Il saggio in questione è stato poi pubblicato da "Giraldi editore" di Bologna senza nessun compenso da parte mia.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
MatrixForm
(no login)

Neutrini e velocità della luce

No score for this post
February 23 2012, 9:47 PM 

Ritornando in topic: al CERN ci sarà un nuovo esperimento a maggio:


http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/scienza/2012/02/22/visualizza_new.html_102536180.html

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: Neutrini e velocità della luce

No score for this post
February 28 2012, 11:04 AM 

A parte l'odiosa reminiscenza scolastica legata al "fuori tema", quale sistema ufficialmente adottato per limitare i danni causati dalla libera circolazione del pensiero, i nuovi esperimenti del Cern previsti per maggio prossimo, pongono in risalto le difficoltà nelle quali il "metodo scientifico" incorre quando si tratta di effettuare delle misurazioni in ambito quantistico. I problemi sono tanti; sono tutti legati alle peculiarità del microcosmo e sono amplificati dal maldestro tentativo di usare "una misura" lineare per valutare dei fenomeni che non sono lineari ma sincronici. Tenterò di esporli tutti con una certa chiarezza. Tutto confluisce nella natura indeterministica e probabilistica dei sistemi quantici, in netto contrasto con l'impronta deterministica che caratterizza le nostre misurazioni. E' come se tentassimo di misurare, con un criterio lineare, un concetto astratto o qualcosa di non materiale costituito di pura energia. E' evidente che, in questi casi, ci troviamo di fronte a delle vere e proprie problematiche procedurali. Il problema diventa ancora maggiore, se rapportato alle nostre reali aspettative. In primo luogo bisogna considerare il dualismo onda-particella. La natura indefinibile delle particelle e la loro peculiarità sia corpuscolare che ondulatoria, fa nascere il serio problema dell'individuazione durante la fase sperimentale. Il famoso esperimento delle due fessure, infatti, ci dice chiaramente che le particelle possono mutare il proprio atteggiamento a seconda se si sentano o meno "osservate". Quindi, i risultati ottenuti in sede sperimentale, non sono certi, assoluti e determinati, ma probabili, indeterminati e, in qualche caso, persino ingannevoli.
La natura atemporale e sincronica dei sistemi quantici contrapposta agli effetti lineari prodotti dallo spazio-tempo trova l'esatta interpretazione nel principio di indeterminazione di Heisenberg. Un altro aspetto di una certa rilevanza è legato al criterio delle "traiettorie". La meccanica quantistica ci dice chiaramente che le particelle non seguono una "traiettoria", perchè nel mondo subatomico, è il concetto stesso di "traiettoria" a risultare decisamente fuori luogo.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Incognito
(no login)

E' andata a finire che Ereditato si è dimesso...

No score for this post
April 9 2012, 2:23 PM 

E' andata a finire che Antonio Ereditato si è dimesso...

Uno dei tanti siti che riporta la notizia:
http://www.meteoweb.eu/2012/03/neutrini-antonio-ereditato-in-6-mesi-dal-possibile-premio-nobel-alle-dimissioni-ecco-perche/126684/

L'Incognito


 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: E' andata a finire che Ereditato si è dimesso...

No score for this post
April 9 2012, 7:53 PM 

Carissimo prof. Coppola,
Le dimissioni di un fisico in odore di Nobel vi sorprendono? A me, francamente, no! Non voglio essere presuntuoso, ma credo di averne prospettato i motivi illo tempore (in tempi non sospetti). Non è colpa di Antonio Eredidato, e di nessun altro, se le misurazioni in ambito quantistico risultano più complicate del dovuto. La cosa più sorprendente, per non dire paradossale, è che il fisico in questione è stato costretto a dimettersi per un concetto probabilmente vero, ma dall'improba sperimentazione. Certo, ha commesso la leggerezza di diffondere delle notizie prive di riscontro sperimentale e, quindi, inattendibili, ha sostanzialmente falsificato un esperimento, e questo è sia eticamente che deontologicamente deplorevole, ma resta il fatto che le particelle superluminali rappresentano ormai una realtà. Forse un giorno, neppure troppo lontano, saranno sperimentate adeguatamente e saranno sostenute anche da una robusta dimostrazione matematica. Resta un fatto inconfutabile: la teorizzazione precede sempre la sperimentazione, e quando più la precede, tanto più il concetto risulta originale e innovativo.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

A che cosa aspira Prisco?

No score for this post
April 19 2012, 8:37 PM 

Una volta l'amico (mi permetto di considerarlo tale anche se con lui ho avuto più di un battibecco) Rob mi ha posto una domanda particolarmente intrigante e suggestiva, per le numerose implicazioni teologiche, filosofiche e psicologiche in essa contenute. Tale domanda è la seguente:

- A che cosa aspira Prisco? -

In modo molto sommario, ho citato alcuni pensieri di Nietzsche, presenti nell'opera "Ecce Homo",ed incentrati sul desiderio di "respirare l'aria delle elevate altitudini". A questo potrei aggiungere anche il pensiero di Shopenhauer per arrivare a dire che la massima aspirazione di un uomo di pensiero è "bastare a se stesso". Ma anche aggiungendo quest'idea, rischierei di escludere dal discorso altri aspetti fondamentali che desidero richiamare. Oltre al desiderio di "conoscere me stesso" e di "bastare a me stesso", infatti, i miei intenti sono ben più diversificati e ramificati, in modo, se possibile, ancora più sottile e profondo.
A tale proposito, prendo in prestito l'incipit del capitolo "Il senso di questo libro" (Obbedienza e libertà - Vito Mancuso - edito da Fazi editore), che cita testualmente:

"In questo mondo che passa, e passando consuma ogni cosa; in questo mondo che ora fa gioire per il semplice fatto di esserci, ora gemere di rabbia e di dolore come SCHIAVI ALLA CATENA; in questo mondo teatro dell'essere e del nulla, libera scelta e cieco destino, allegria della mente e disperazione dell'anima; in questo mondo di fantasmi e di poesia, io non conosco nulla di più grande del bene. Se c'è una dimensione nella quale è possibile non dico superare, dico per lo meno sopportare, il fluire inesorabile di esseri viventi che nascono e muoiono, tutti necessariamente incatenati dalla brama di cibo e di orgasmo e di un posto sul palcoscenico PER POTER ESSERE QUALCUNO E RICEVERE COSI' LA PROPRIA DOSE DI APPLAUSI E DI DENARO, questa dimensione, sola possibile liberazione dai morsi della triplice catena, è il bene. Chi fa il bene si libera, almeno per un po', dalla catena alimentare, sessuale e sociale; chi no, no. RIMANE SERVO".
Ho volutamente sottolineato i punti salienti del discorso di Mancuso perchè la mia massima aspirazione è legata al desiderio di liberarmi dalle catene sociali che, in caso contrario, rischierebbero di tenermi prigioniero per sempre. C'è chi nasce schiavo e non fa nulla per liberarsi , e chi invece ambisce alla libertà totale, dimenandosi come un forsennato per raggiungere le massime vette e respirare l'aria delle "elevate altitudini". La libertà è conoscenza, consapevolezza di sè e del mondo che ci circonda, capacità di "vedere" utilizzando delle prospettive diverse, possibili proprio perchè non più schiavo delle catene. La libertà è una costante ricerca della verità nella più ampia accezione del termine. La verità considerata non solo da un punto di vista teologico e religioso, ma anche da un'ottica laica, razionale e ideologica. La verità ci renderà uomini liberi, secondo le sacre scritture, ma anche secondo un percorso interiore super partes. Alla fine viviamo solo per sconfessare la massima di Jean Jaques Rousseau, secondo cui "l'uomo è nato libero, ma dovunque è in catene". Io provo a liberarmi da tutte le mie catene, e mi adopero incessantemente, con sagacia e perseveranza, senza soluzione di continuità! Mi adopero per fare al mio spirito il regalo più gradito: la libertà, quale fonte da cui attingere l'acqua, l'unico elemento in grado di alleviare l'arsura causata da un'insaziabile sete di conoscenza.

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: A che cosa aspira Prisco?

No score for this post
April 22 2012, 1:25 PM 

Ad integrazione del precedente post menziono qualche aforisma e alcune citazioni famose:

"Sono un libero pensatore, e quindi penso liberamente!"
"La libertà è la libera traspirazione dell'anima".
Il sottoscritto


"La libertà è il diritto dell'anima di respirare"
Aforisma tratto dal film "Genio ribelle".


"Nessuno può essere libero se costretto ad essere simile agli altri".
Oscar Wilde


"La libertà non è che una possibilità di essere migliori"
Albert Camus


"La libertà consiste nell'essere padrone della propria vita e nel fare poco conto delle ricchezze"
Platone


"Io considero la lotta contro la censura, di ogni natura e qualsiasi potere la sostenga, come un dovere dello scrittore, allo stesso titolo degli appelli alla libertà di stampa. Io sono un feroce partigiano di questa libertà, e dichiaro che uno scrittore che possa farne a meno, somiglia ad un pesce che dichiara pubblicamente di poter fare a meno dell'acqua".
Michael Afanos'evic Bulgakov


"Alcuni uccelli non sono fatti per la gabbia, questa è la verità. Sono nati liberi e liberi devono essere. E quando volano via ti si riempie il cuore di gioia, perchè sai che nessuno avrebbe dovuto rinchiuderli".

"O Fai tutto per vivere o fai tutto per morire".

"Tu mangi quando ti diciamo di mangiare, caghi quando ti diciamo di cagare, e pisci quando ti diciamo di pisciare (potere precostituito nei confronti dello spirito libero)".
Frasi tratte dal film "Le ali della libertà"


"Venite amici, che non è tardi per scoprire il nuovo mondo. Io (anch'io) vi propongo di andare più in là dell'orizzonte, e se anche non abbiamo l'energia, che in giorni lontani mosse la terra e il cielo, siamo ancora gli stessi, unica ed eguale tempra d'eroici cuori, indeboliti forse dal fato, ma con ancora la voglia di combattere, di CERCARE, DI TROVARE E DI NON CEDERE".

"Lo spirito si elevava, le donne svenivano, ed era così che nuovi dei nascevano".

"Solo nei sogni gli uomini sono davvero liberi, è da sempre così e così sarà ... per sempre!"

"Sono salito sulla cattedra per ricordare a me stesso che dobbiamo sempre guardare le cose da ANGOLAZIONI DIVERSE. E il mondo appare diverso da quassù (l'aria delle elevate altitudini di Nietzsche, ricordate?). Non vi ho convinti? Venite a vedere voi stessi. Coraggio! E' proprio quando credete di sapere qualcosa che dovete guardardarla da UN'ALTRA PROSPETTIVA (l'invito va rivolto a Rob e ad Alex).
Brani tratti dal film "L'attimo fuggente"

Credo che sia tutto ... o quasi! Così, una volta per tutte, abbiamo sciolto gli enigmi legati alle legittime aspirazioni di quel maledetto rompiscatole che si cela sotto l'identità di Pasquale Prisco. E così sia, saecula saeculorum. Amen.




 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Pasquale Prisco
(no login)

Re: A che cosa aspira Prisco?

No score for this post
April 24 2012, 12:05 PM 

La preghiera di uno "spirito libero".

"O Signore, questo è il compito di chi vuole essere perfetto: non staccarsi mai spiritualmente dal tendere alle cose celesti e passare tra le molte preoccupazioni quasi senza affanno. E ciò non già per storditezza, ma per quel privilegio, PROPRIO DI UNO SPIRITO LIBERO, di non essere attaccato ad alcuna cosa creata, con un affetto che sia contrario al volere di Dio. Ti scongiuro, o mio Dio pieno di misericordia, tienimi lontano dalle preoccupazioni di questa vita, così che esse non mi siano di troppo impaccio; tienimi lontano dalle molte esigenze materiali, così che io non sia PRIGIONIERO del piacere; tienimi lontano da tutto quanto è di ostacolo all'anima, così che io non finisca schiacciato da queste difficoltà. E non voglio dire che tu MI TENGA LONTANO SOLTANTO DALLE COSE CHE LA VANITA' DI QUESTO MONDO BRAMA CON PIENO ARDORE, ma da tutte quelle MISERIE che, a causa della comune maledizione dell'umanità, gravano dolorosamente sull'anima del tuo servo, impedendole di accedere, a sua voglia, ALLA LIBERTA' DELLO SPIRITO. O mio Dio, dolcezza ineffabile, muta in amarezza per me ogni piacere terrestre: esso mi distoglie dall'amare le cose eterne e mi avvince tristemente a sè, facendomi balenare qualcosa che, al momento, appare buona e gradita. O mio Dio, non sia più forte di me la carne, non sia più forte di me il sangue; non MI INGANNI IL MONDO CON LA SUA GLORIA PASSEGGERA; non mi vinca il diavolo con la sua astuzia. Dammi la forza di resistere, la pazienza a sopportare, la costanza a perseverare. In luogo di tutte le consolazioni del mondo, dammi la dolcissima unzione del tuo spirito; in luogo DELL'ATTACCAMENTO ALLE COSE DELLA TERRA, infondi in me l'amore della tua gloria. Ecco, per uno spirito fervoso sono ben pesanti, e cibo e bevanda e vestito, e tutte le altre cose utili a sostenere il corpo. Di queste cose utili, fa che io le usi moderatamente, senza attaccarmi ad esse con desiderio eccessivo. abbandonare tutto non si può, perchè alla natura si deve pur dare sostentamento; ma la santa legge di Dio vieta di ricercare le cose superflue e quelle che DANNO MAGGIORMENTE PIACERE. Diversamente, la carne si porrebbe sfacciatamente contro lo SPIRITO. Tra questi due estremi, mi regga la tua mano, Signore, te ne prego; e mi guidi PER EVITARE OGNI ECCESSO!"

Tratto da "Il libro della consolazione interiore" - capitolo XXVI

 
Scoring disabled. You must be logged in to score posts.Respond to this message   
Current Topic - Neutrini e velocità della luce
  << Previous Topic | Next Topic >>Torna all'indice