<< Previous Topic | Next Topic >>Ritorna all'Indice  

Tensione alla lingua

June 7 2012 at 2:12 PM
Domenico  (Login domnic)

Dopo alcuni anni di sospensione della pratica (precedentmente avevo praticato circa 2 mesi) adesso ho ripreso da 12 giorni.
I primi giorni ho fatto sedute brevi (6 - 7 minuti), dopo ho aumentato il tempo a circa 10 minuti o poco più (al termine delle sedute rimango il silenzio 3 - 4 minuti).
Il problema è che da circa 4 - 5 giorni mi si è ripresentato lo stesso effetto collaterale di 3 anni fa ma stavolta con maggiore vigore, cioè: una netta tensione alla lingua! Poco durante la pratica ma molto di più durante il resto della giornata.
C'è una spiegazione a questo effetto? rimedi ?

Avendo subito numerosi episodi "traumatici" e avendo avuto una vita piena zeppa di stress e di enormi tensioni psicologiche (tutt'ora in atto) ho pensato che questa netta tensione che io avverto alla lingua (che a volte si irradia anche alla mascella) possa essere dovuta alla rimozione di stress radicato nel mio sistema nervoso (più che altro spero che questo sia il motivo).
Voi cosa ne pensate ?
A qualcun'altro è mai successa una cosa del genere ?
Che faccio? Continuo nonostante questo "effetto indesiderato" ?

Ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti.
Domenico

 
 Respond to this message   
AuthorReply

Fabrizio Coppola
(Login FCoppola)
It Gruppo Moderatori

Sicuramente è scioglimento di antiche tensioni

June 9 2012, 11:48 AM 

Salve,

credo che l'effetto che riporta sia effettivamente dovuta a sicoglimento di stress nel sistema nervoso, che in una certa misura si manifesta anche in quel modo.
Le consiglierei di ridurre la durata delle sedute, oltre ovviamente a rispettare il breve riposo all'inizio (mezzo minuto) e alla fine (almeno tre minuti) e vediamo se la soluzione migliora.
Il fatto di per sé non sarebbe un male perché, ripeto, credo che sia una rimozione di antichi stress e tensioni. Però pare che tale rimozione avvenga troppo velocemente accentuando l'ampiezza degli effetti collaterali.

Cordiali saluti,

Fabrizio Coppola
Istituto Scientia

 
 Respond to this message   
Domenico
(Login domnic)

Ridurre i tempi per quanto ?

June 9 2012, 3:39 PM 

Se l'effetto descritto è dovuto allo scioglimento di antiche tensioni, bene ! avanti così !
Posso chiederle però a quanto il linea di massima dovrei ridurre la durata delle sedute? 6 minuti possono andare bene ?
Per quanto tempo poi dovrei attenermi a "mini sedute" ? Un mese ? Poi faccio 10 - 11 minuti per un altro mese e poi posso passare a 15 (o anche venti) ?

Nota: vorrei anche segnalare che al termine di tre sedute, mentre stavo in riposo/silenzio ho avuto dei piccoli ma netti sussulti anche per circa un minuto (o forse due di fila) e una volta la testa si muoveva in tutte le direzioni per conto suo (visto che avevo terminato di ripetere la sillaba l'ho lasciata fare).

ps: mi scusi dr. Fabrizio, la TNAS ha il grande pregio di poter dissolvere le tensioni e gli stress del nostro sistema nervoso anche di 20 - 30 anni fa ?
A proposito di dissolvere stress e tensioni radicati nel nostro sistema nervoso, in passato ho letto che il rebirthing (a dire dei loro insegnanti) è la pratica più indicata per dissolvere del tutto le tensioni radicate nelle nostre cellule fin dalla nostra nascita.
Lei per caso conosce questa respirazione o l'ha mai praticata o sa se veramente è così potente come si legge in rete ?

Quello che vorrei inoltre chiederle è: lei crede che mi sarebbe benefico praticare anche il rebirthing oltre alla TNAS ?

La ringrazio anticipatamente per la cortese risposta.
Cordiali saluti.
Domenico


 
 Respond to this message   

Fabrizio Coppola
(Login FCoppola)
It Gruppo Moderatori

Indicazioni orientative

June 10 2012, 6:18 PM 

Salve.

> Se l'effetto descritto è dovuto allo scioglimento
> di antiche tensioni, bene ! avanti così !

Non vedo altre spiegazioni.

> Posso chiederle però a quanto il linea di massima
> dovrei ridurre la durata delle sedute? 6 minuti
> possono andare bene ?

Le risposte che sto per dare sono orientative e dovranno essere convalidate dalla sua esperienza.

Possono andare bene 6 minuti, però potrebbe provare con 7 minuti per pochi giorni, poi valutare se il disturbo conseguente è sopportabile o no. Se è sopportabile, può continuare con 7 minuti e valutare dopo almeno una settimana se prolungare la durata della seduta. Se con 7 minuti di pratica rimangono i disagli, può ridurre ai 6 minuti da lei proposti. Se anche in questo caso il disagio è insopportabile, può calare a 5 minuti. Sotto i 5 minuti la seduta sarebbe troppo corta, ma nel frattempo può segnalarci qui sul forum l'andamento e valuteremo.

> Per quanto tempo poi dovrei attenermi a "mini sedute"?
> Un mese ? Poi faccio 10 - 11 minuti per un altro mese
> e poi posso passare a 15 (o anche venti) ?

Questo è il punto meno facile da valutare e deve basarsi sempre sull'esperienza. Tanto per fissare le idee, e tenendo presente che questo programma orientativo potrà sempre essere modificato, diciamo che, se si trova bene con 6 minuti, ogni settimana potrebbe gradualmente aumentare, prima a 7 minuti e valutare se il disagio ritorna oppure non ricompare, quindi lo stesso procedimento con 8 minuti, poi 10, quindi 12, infine 15 minuti. Per adesso non parlerei di 20 minuti, considerato anche che la durata standard per la TNAS è stata indicata sui 15 minuti. In futuro se ne potrà riparlare.

> Nota: vorrei anche segnalare che al termine di tre
> sedute, mentre stavo in riposo/silenzio ho avuto
> dei piccoli ma netti sussulti anche per circa un
> minuto (o forse due di fila) e una volta la testa
> si muoveva in tutte le direzioni per conto suo
> (visto che avevo terminato di ripetere la sillaba
> l'ho lasciata fare).

Poiché rientrava nel tempo del riposo, non vedo motivo di preoccupazione. Il tempo finale con il riposo serve anche per ammortizzare questi eventuali effetti. Eventualmente, se succedesse nuovamente, potrebbe prolungare il riposo, raddoppiandolo.

> ps: mi scusi dr. Fabrizio, la TNAS ha il grande
> pregio di poter dissolvere le tensioni e gli stress
> del nostro sistema nervoso anche di 20 - 30 anni fa ?

La TNAS non guarda da quanto tempo una tensione si è depositata nel sistema nervoso, ma quanto fastidio dà al momento, quindi parte cercando di sciogliere le più forti, non necessariamente le più recenti o le più antiche. Potrebbero essere tensioni acquisite da pochi giorni, come da parecchi anni, la TNAS è come una "macchina" che ripulisce il sistema nervoso seguendo l'ordine in cui gli stress e le tensioni recano più fastidi e disagi al momento, non quando o come sono stati acquisiti nel corso della vita.

> A proposito di dissolvere stress e tensioni radicati
> nel nostro sistema nervoso, in passato ho letto che
> il rebirthing (a dire dei loro insegnanti) è la pratica
> più indicata per dissolvere del tutto le tensioni
> radicate nelle nostre cellule fin dalla nostra nascita.

Leggere è una cosa, sperimentare è un'altra, poter mostrare una documentazione scientifica è una terza cosa, più vicina alla seconda che alla prima. Direi che la prima è quella con minore affidabilità... Se lei ha il tempo di imparare e praticare anche il rebirthing, può farlo. Noi crediamo che la TNAS sia più che sufficiente a raggiungere gli stessi scopi, ed abbia (per così dire) un "pedigree" scientifico almeno sufficiente a confermare le esperienze positive riportate dalla maggioranza dei praticanti (a riguardo potrebbe dare un'occhiata a certe pagine web di www.eeg.it). Ma ognuno è libero di provare ciò che ritiene opportuno.

Cordiali saluti,

Fabrizio Coppola
Istituto Scientia


 
 Respond to this message   
Francesco
(Login FrancescoF)

Una riflessione

June 10 2012, 8:51 PM 

Grazie per lesaustiva risposta, gentile dr. Fabrizio.

In virtù di quanto discusso, mi verrebbe da fare una riflessione e le chiedo un suo parere a tal proposito (per smentire o confermare l'idea che mi sono fatto).
So che tutti abbiamo tensioni e stress radicati, ma sicuramente c'è chi ne ha molti più di altri (tipo io);
considerato che la TNAS sciolgie le tensioni e che può succedere che nel farlo si verifichino poi dei fastidiosi effetti collaterali (nei primi periodi di pratica) e che probabilmente questi effetti si verichifino forse maggiormente in chi ha un sistema nervoso devastato,
è possibile allora che paradossalmente una persona che ha più bisogno della TNAS perchè con un sistema nervoso pieno di stress e tensioni abbandoni la tecnica con maggiori probabilità di quanto possa fare un soggetto con un sistema nervoso con poco stress/tensione radicato in esso ?

Cerco di spiegarmi meglio: io ho iniziato la TNAS ed avendo un sistema nervoso colmo di tensioni e stress, per adesso più che pecepire gli effetti piacevoli della tecnica, percepisco quelli spiacevoli perchè sto sciolgiendo tantissmo stress/tensione.
Un soggetto con un sistema nervoso più fortunato del mio che avesse ipoteticamente iniziato la TNAS in contemporanea con me, magari percepisce molto prima di me gli effetti piacevoli della tecnica e dunque: lui continua perchè ha pochi o nulli effetti spiacevoli (in quanto il suo livello di stress radicato non è tale da causargli disagi mentre si va sciolgiendo) e contemporanemante ha gli "effetti piacevoli"
io invece rischio di abbandonare la pratica (nonostante ne ho molto più necessità del soggetto molto meno stressato di me) perchè per il mmomento "subisco" soltanto gli "effetti spiacevoli" dovuti allo scioglimento della montagna di stress e di tensione accumulate nel mio sistema nervoso e contemporanemante non riesco ancora ad assaporare gli "effetti piacevoli" della TNAS.


 
 Respond to this message   
Francesco
(Login FrancescoF)

Re: Una riflessione

June 10 2012, 9:01 PM 

chiedo venia: ho riletto il mio messaggio dopo averlo inviato nel forum e mi sono accorto che "l'esaustiva" nel forum appare tutto attaccato (senza l'apostrofo).
Ho però ancora il testo su Word dove ho potuto appurare che invece io avevo messo l'apostrofo in "l'esaustiva" e non ho scritto lesaustiva.
E' un "problema" del vostro forum che nel fare il copia incolla di un testo Word elimina gli apostrofi o è un "problema" del mio programma ?

Voglio fare una prova, a sn riporterò parole scritte con l'apostrofo su Word e a dx le riscriverò direttamente nel forum, voglio vedere se apparariranno con o senza apostrofo quelle con copia/incolla
Lapostrofo - L'apostrofo
Lapparato - L'apparato
Lacqua - L'acqua
Sullolio - Sull'olio




 
 Respond to this message   

Fabrizio Coppola
(Login FCoppola)
It Gruppo Moderatori

Risposte

June 12 2012, 10:40 AM 

Salve,

noi non ci preoccupiamo di ipotetiche questioni negative, almeno non prima che queste avvengano o abbiano una certa probabilità di avvenire. La sua domanda quindi non la ritengo significativa. Forse ha ragione lei nel prevedere ciò che ipotizza, ma si tratta appunto di un'ipotesi, che per quanto riguarda l'effettivo avvenimento credo sia ancora lontana dall'essere verosimile, e comunque ciò è accaduto a una minoranza di praticanti nel passato.

Riguardo all'apostrofo che non viene, in effetti accade talvolta che scompaia, forse quando il testo è copiato da un'altra sorgente (un file doc o txt o rtf o odt o quel che sia) mentre sembra non accadere quando si scrive direttamente sul forum. Colgo l'occasione per provare: questo testo è copiato da un file odt. Vediamo che cosa succede.

Cordiali saluti

Fabrizio Coppola
Istituto Scientia

P.S. Ho scritto nel testo, con l'apostrofo:
un'ipotesi
l'effettivo
all'apostrofo

 
 Respond to this message   
 
  << Previous Topic | Next Topic >>Ritorna all'Indice