Respond to this messageRitorna all'indice
Original Message
  • comunicazione ASL e Dir.Prov.le Lavoro ai sensi art.10/626

    • Posted Jun 17, 2004 4:44 PM

      Avevo già intavolato nel Forum, tempo fa, la questione della sanzionabilità o meno delle comunicazioni da inviare ai sensi dell'art.10/626 agli organi competenti, fatte in ritardo.

      Ero e sono in disaccordo con le USL del Piemonte che ragionano in questo modo:
      - devi fare la valutazione del rischio e la formazione entro 90 giorni dall'inizio attività o dal momento di assunzione del primo dipendente, ai sensi del 96 bis
      - devi inviare la comunicazione ai sensi dell'art. 10
      - ergo mi devi inviare la lettera entro 90 giorni.

      Le nostre USL sono, a dire il vero, un poco di manica larga, nel senso che se la lettera è stata inviata entro un anno o un anno e mezzo dall'inizio attività o dalla prima assunzione, la considerano regolare; se il tempo trascorso è maggiore, sanzionano.

      Dal canto mio, sostenevo e sostengo che l'art. 10 non riporta un termine entro il quale bisogna fare la comunicazione, per cui se qualche ditta invia una lettera in ritardo non dovrebbe essere sanzionata: questo caso è per me abbastanza frequente poichè molte piccole ditte non si sono mai messe in regola con la 626 e solo ora, dopo svariati avvertimenti da parte del nostro studio, iniziano a capire che è un passo importante a cui tutti si dovrebbero adeguare.
      Ad esempio, hanno frequentato il corso di RSPP adesso, magari dopo anni, e allegando alla comunicazione la copia dell'attestato si evince chiaramente la data di frequentazione che, confrontata con la data di inizio attività, corrisponde ad una bella AUTODENUNCIA!

      Ora, lo sportello regionale ha dato una definitiva risposta ad un mio quesito specifico:
      - Se invio la comunicazione ora, e sono in ritardo, mi sanzionano.
      - Se non la invio e fanno un sopralluogo nella ditta, non trovando la prova dell'invio, sanzionano.

      Ma il bello è che non fanno una sanzione amministrativa bensì penale:
      - nel caso di ricevimento della comunicazione in ritardo (da cui si evince che ha ottemperato in ritardo, ad esempio, al corso di cui al comma 2) dell'art. 10, emettono un verbale di prescrizione con reato a condotta esaurita, con sanzione penale che si prescrive con il pagamento entro 30 gg. di € 645,50 (1/4 del massimo).
      - nel caso di non comunicazione e di sopralluogo emetteranno un verbale di prescrizione con richiesta di ottemperare entro 30 giorni alla comunicazione ma il risultato sarà il medesimo.

      In conclusione, mi domando se l'intento dell'USL è proprio, come mi dicono i funzionari, quello di incoraggiare le ditte a mettersi in regola con la 626!!!!
      Attenti quindi a queste benedette comunicazioni!
      Dal canto mio proporrò ai clienti di non inviare la lettera per procastinare il più tardi possibile una eventuale sanzione, poichè non è possibile che un consulente si attivi affinchè le ditte regolarizzino la loro posizione, le convinca della necessità di essere a posto ed inizi gli adempimenti con una bella sanzione!

      Buona giornata a tutti!
      Paolo
    Login Status
  • You are not logged in
  • Your Name
    Your Email
    (Optional)
    Message Title
    Message Text
    Image Services Photobucket.com
    Options Enable formatted text (Huh?)
    Email Respond__Description