<< Previous Topic | Next Topic >>Ritorna all'indice  

come attestare attività lavorativa nel settore costruzioni?

March 2 2004 at 12:45 PM
Batisgrulla 

Gentili amici è da poco che frequento questo forum desidero approfittare della vostra gentilezza per chiedervi alcune informazioni.
Sto per iniziare il corso di 120 ore in materia di sicurezza contemplato nella 494.
Ora, è noto che per esercitare la professione di CSE o CSP è necessaria l'attestazione da parte di datori di lavoro o committenti comprovante l'espletamento di attività lavorativa nel settore delle costruzioni per almeno un anno.
I quesiti che volevo porvi, e mi scuso fin d'ora se le domande vi risulteranno banali sono:

1) in quali modi il datore di lavoro può attestarlo?
2) a chi deve attestarlo?
3) cosa vuol dire esattamente attività lavorativa nel settore delle costruzioni?
4) tale lavoro può essere sostenuto prima del corso?

Non mi è inoltre ben chiaro se dopo il corso esista una procedura per certificarsi CSE/CSP o basta possederne i requisiti.

Vi ringrazio anticipatamente per l'aiuto, scusatemi nuovamente se ho postato domande consuete.

 
 Respond to this message   
AuthorReply
linoemilio

re...requisiti

March 2 2004, 1:18 PM 

1) in quali modi il datore di lavoro può attestarlo?
Con una semplice dichiarazione.

2) a chi deve attestarlo?
al diretto interessato (in questo caso a te)

3) cosa vuol dire esattamente attività lavorativa nel settore delle costruzioni?
Qualsiasi tipo di attività svolta nel settore delle costruzioni... (collaborazioni nella progettazione e nella DL di opere relative alle costruzioni se non sei iscritto a nessun albo/ordine.... progettazioni, DL, e tutto quanto comprende la tabella delle prestazioni professionali se se iscritto all'albo/ordine)

4) tale lavoro può essere sostenuto prima del corso?
Sì... addirittura, ultimamente, ci sono organizzatori di corsi delle 120 ore che pretendono la dimostrazione di aver ottemperato completamente l'attività svolta nel settore delle costruzioni per la durata minima richiesta.

Non mi è inoltre ben chiaro se dopo il corso esista una procedura per certificarsi CSE/CSP o basta possederne i requisiti.
Nessuna procedura... l'attestazione rilasciata che hai partecipato al corso insieme ai requisiti ti da la possibilità di fare il CSP-CSE


 
 Respond to this message   
danny

Re: come attestare attività lavorativa nel settore costruzioni?

March 2 2004, 2:47 PM 

Siccome nel decreto 494/96 parla di attività svolta nel settore delle costruzioni può andare bene anche attività da manovale edile, sbadilatore ecc.

La certificazione ma la posso far fare da chiunque padre, nonno, zio ecc. che abbiano costruito qualcosa negli ultimi tempi. Possono dire che durante la costruzione mi hanno pagato per fare il manovale ai muratori (tanto nella dichiarazione non compare)

 
 Respond to this message   
Batisgrulla

Re: Re: come attestare attività lavorativa nel settore costruzioni?

March 2 2004, 3:13 PM 

Grazie a Linoemilio per la risposta immediata ed esaurientissima.
Vorrei vedere se ho capito bene:
E' necessaria una dichiarazione scritta del tipo il sig. tal dei tali ha collaborato (ad esempio) alla stesura del progetto tal dei tali dal XX al XX (cioè per più di 12 mesi).
Tale dichiarazione non deve essere supportata da adeguata fatturazione o simili. In poche parole, non devo dimostrare di aver effettivamente svolto quel determinato compito.
Ma è veramente così semplice? La legge non tutela chi ha veramente acquisito il proprio status sul campo?

 
 Respond to this message   
Mod. Forum

Nota tecnica

March 2 2004, 3:15 PM 

Preg.mo

Batisgrulla faccio presente che il titolo e' > 50 caratteri.
Attenzione!

Cordiali saluti e grazie per i suoi interventi.

Il Moderatore del Forum di
www.sicurezzaonline.it

 
 Respond to this message   
linoemilio

re...requisiti

March 2 2004, 5:23 PM 

Sì... non è difficile ma, attenzione:
una falsa dichiarazione, pur se difficilmente punibile nel caso venisse considerato un falso ideologico in scrittura privata, è, certamente, un artificio o un raggiro e, in questo caso, facilmente rientrante nel reato di truffa (art 640 C.P.).
Non è uno scherzo portarsi in giudizio una simile accusa...
Tornando a te.
Il tipo di dichiarazione abbozzata va bene. Non necessariamente deve essere un'unica dichiarazione, di un unico datore di lavoro bensì la sommatoria dei tempi che hai dedicato all'attività lavorativa nelle costruzioni anche con più di un Datore di lavoro.
La norma non richiede la dimostrazione della riscossione.
Non sarei così sicuro dell'interpretazione di Danny.
L'attività svolta nel settore delle costruzioni prevista nel Decreto è riferita a Soggetti ben identificati (geom... ing... arch...) e, quindi, alle specifiche mansioni di queste figure.


 
 Respond to this message   
Batisgrulla

Re: re...requisiti

March 2 2004, 5:51 PM 

Mi scuso con il moderatore per la lunghezza del titolo ma ho preferito chiarire bene il contenuto del thread per evitare inutili perdite di tempo agli altri utenti.
Tornando alla questione proposta mi sembra che la 494 non specifichi che l'anno di lavoro deve essere svolto dopo la laurea (e quindi da professionista).
Forse tale interpretazione avvalora la tesi di Danny anche se, a rigor di logica (e di logica ce n'è ben poca in alcune leggi) una tale soluzione mi sembra insensata.
Chissà ....

 
 Respond to this message   
Mod. Forum

Nota tecnica II

March 2 2004, 6:10 PM 


Sono stressante (lo so) ma il contenuto del thread deve essere espresso con un titolo lungo al max

50 CARATTERI (che non sono pochi)

La concisione si sposa bene con il web (e non solo)!

Per questa volta Batisgrulla e' scusato (essendo un appassionato 'fresco' frequentatore della nostra community) ma la prossima volta dovro' (mio malgrado) intervenire.

Cordiali saluti e grazie ancora a tutti.

Il Moderatore del Forum di
www.sicurezzaonline.it

 
 Respond to this message   
linoemilio

re.requisiti

March 2 2004, 7:20 PM 

Non sono d'accordo che l'anno di lavoro possa essere eseguito anche prima della laurea...
Potrebbe rientrare, allora, anche un giovane laureato che l'anno di lavoro l'ha effettuato dopo la terza media in uno studio professionale come disegnatore a china su matita (chi ha qualche anno come me, sa di cosa sto parlando).
Ritengo che l'anno debba intendersi come esperienza dopo aver conseguito il titolo di studio... e, ripeto, alcuni organizzatori di corsi da 120 ore prima dell'iscrizione pretendono la risoluzione delle prime due clausole.

 
 Respond to this message   
danny

Re: re.requisiti

March 3 2004, 9:20 AM 

Io leggo quello che c'è scritto sulla legge, si parla di attività lavorativa svolta nel settore delle costruzioni e non di attività professionale propria del titolo di studio.
Pertanto anche il manovale ha svolto attività lavorativa e poi quando diventa ingegnere la farà valere.
Se vi ricordate bene, nel caso del transitorio, il legislatore ha ben specificato che cosa intendesse per attività lavorativa per le figure interessate, nel caso dell'art. 10 ha tenuto la coperta larga e sollevata e sotto ci può stare di tutto.
Le certificazioni che ho proposto non sono false, ma sono vere perchè rapportate ad attività lavorative che possono essere svolte.
E' forse attività lavorativa nel settore delle costruzioni fare delle fotocopie, tagliare e piegare dei disegni, andare a fare la coda in catasto?

 
 Respond to this message   
lino

Re: come attestare attività lavorativa nel settore costruzioni?

March 3 2004, 12:00 PM 

Sì ma prima dice che devi avere un titolo di studio e poi la citata esperienza.
Pertanto, viene indicata una priorità da rispettare.

 
 Respond to this message   
 
  << Previous Topic | Next Topic >>Ritorna all'indice